giovedì 5 febbraio 2015

La Foie de Saint-Ours

Vengo da un bel weekend lungo in Valle d'Aosta, in occasione della 1015esima (no non ho sbagliato, sono proprio 1015 anni!) che si svolge ogni anno il 30 di gennaio ad Aosta.

nel Medioevo la fiera si svolgeva nell'area della Collegiata che porta il nome di S. Orso. La leggenda narra che il santo  (vissuto prima del IX secolo), proprio di fronte alla chiesa, soleva distribuire ai poveri indumenti e "sabot" tipiche calzature in legno.

Ai giorni nostri le bancarelle dell'artigianato tipico locale, si snodano praticamente in tutta  la città e se la ressa non vi spaventa vale la pena di visitarla: scultori, intagliatori, tessitori, costruttori di attrezzi agricoli, cestai si susseguono mettendo in mostra le loro opere prodotte con materiali locali...

Naturalmente il legno la fa da padrone...












ma le ceste intrecciate mi hanno affascinato...(potevo non portarne a casa una?)





tutto quello che la montagna può offrire viene utilizzato...



piccoli artigiani e artisti riconosciuti, espongono fianco a fianco...





entrare un attimo  nel laboratorio Gattacicova per farsi trasportare in un mondo fiabesco...




e se gli occhi non sono ancora sazi, entrare da Gobelin (qualcosa mi porto a casa...)



 o da Angelini, un po' antiquariato, un po' polveroso brocante (ci potrei stare delle ore)...

e se il freddo intorpidisce i piedi una sosta da à la page (livres et café) per rilassarsi un po' sfogliando libri e scaldandosi con un buon caffè...

e poi si chiude in piazza Chanoux...





si fa sera... e se tutto questo camminare ha messo appetito all' Osteria dell'oca ci aspetta una  zuppa calda o, perchè no, una bella polenta fumante!



11 commenti:

  1. che meraviglia, sembra di entrare in una favola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero! una favola un po' gelata ma tant'è!...

      Elimina
  2. ....Bellissima atmosfera, mi è sembrato di passeggiare tra le bancarelle ed ammirare tutte quelle meraviglie! Adesso sono però curiosa di vedere dove e come hai sistemato la tua cesta, ho anch'io un debole per ceste e cestini vari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto che la cassetta della posta è diventata in pianta stabile il nido delle cincie, ne farò un fuoriporta/porta posta: appena trovo la soluzione per farmi capire dal postino ti faccio sapere! ^_^

      Elimina
  3. Che spettacolo!!!! Adoro sentire parlare del Medioevo!!!! Mi affascina tantissimo!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la fiera era un momento in cui venivano scambiati e venduti oggetti di uso quotidiano, lavorati durante il lungo inverno: non si porta il bestiame al pascolo, non si coltiva ma non si sta con le mani in mano...

      Elimina
  4. Interessantissimo questo tour, grazie!!!
    ... Ma quei micioni in legno ... bellissimi, io me li sarei portata a casa subito (insieme a molte altre cose che hai fotografato) :)
    Buona settimana
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dovresti vedere quante altre bellissime cose fa Raffaella nel suo laboratorio Gattacicova: lo adoro!

      Elimina
  5. Che bello!!! grazie per averci fatto ammirare queste meraviglie!!! un bacione e buona settimana ...

    RispondiElimina
  6. Wonderful post! I visited Valle d'Aosta in Summer some years ago but in Winter with snow it looks like a dream I imagine! I love all photos especially the sweet wooden cats. Thank you for sharing.
    Hope you have a great day!
    Hugs and love from Portugal,
    Ana Love Craft
    www.lovecraft2012.blogspot.com

    RispondiElimina